A thirsty girlie

As near the lake there were very big mosquitoes (if they had had feathers, they probably would have been birds…) we moved from Viverone to Roppolo

Devo ad una focosa zanzara l’avermi svegliata dal sonno in riva al lago. Una di quelle note zanzare a cui mancano le piume per essere uccelli. Questa, poi, anche invadente come una suocera. Sicché, infastidita, ho richiamato Stefania al dovere di assistente e insieme siamo tornate all’auto per ripartire in direzione di Roppolo, un minuscolo centro abitato sulla via Francigena, la strada che un tempo i pellegrini provenienti dall’Europa centrale e in particolare dalla Francia percorrevano per raggiungere Roma.

Dopo pochi km, giunte a destinazione, abbiamo parcheggiato in una piazzetta adombrata dalla chiesa e da una manciata di case, forse costruite sui resti dell’antico borgo medievale. Dietro i tetti s’intravedeva l’antico castello, un tempo fortezza, eretto sulla sommità della collina per dominare un vasto taglio di terra.

Roppolo is a village located on the southern slopes of Ivrea glacial ridge, west to the Lake of Viverone. It is home to a castle, largely built during the 14th century.

Roppolo è un paese di novecento anime, un piccolo centro rurale sprofondato nel silenzio. Scese dall’auto abbiamo constatato che si udivano soltanto le nostre voci. Ci siamo, quindi, incamminate lungo la stretta strada che conduce al castello, salendo in mezzo ai vigneti, agli alberi da frutto e alle rade abitazioni con i balconi e i giardini traboccanti di ortensie, begonie e gerani. La strada è tutta in salita ed è battuta dal sole nelle ore pomeridiane. Stefania ed io l’abbiamo percorsa a diversi metri di distanza l’una dall’altra: io innanzi, ché dovendo banalmente manipolare un joystick non avvertivo grande fatica; lei dietro, arrancante per via di una frattura al piede e di un paio di scarpe strette che lo strizzavano come un’oliva da frantoio.

Walking (and rolling) along a narrow road, we arrived at the castle in about half an hour. Actually, we simply arrived near the steep path that led up to the castle…

In meno di mezz’ora siamo giunte al castello. O meglio, siamo arrivate in prossimità del sentiero che conduce al maniero: una stradina amena, delimitata dalle antiche mura e ricoperta da un diabolico pavè sul quale abbiamo letteralmente dovuto inerpicarci, pigolando, sulle grosse e scivolose pietre a forma di uova che il pensarle deposte e covate da una chioccia ha finito per germinare in noi l’intima empatia con i suoi orifizi.

I don’t like to give up, so finally I’ve reached the castle. The scenery was so beautiful: the wide range of colours, the reflection of the sky on the surface of the lake…Everything was beautiful, even if I was thirsty and exhausted.

La vista dal castello è superba. É tutto un carosello di sfumature di verde, dall’intrico della vegetazione ai riflessi sulla superficie del lago. E anche la strada scolpita dal ciottolato, per me difficile ma non impossibile da percorrere, riverberava bellezza. Non fosse che per l’azzardata scelta di percorrerla nelle ore più calde del giorno e arrivare in cima sfiancate, spinte dalla maniacale ricerca di acqua a soppesare la potabilità di una pozzanghera…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...